FILIERA

Una collaborazione con alcuni agricoltori per seguire l’intera filiera dei cultivar Autoctoni Siciliani ci ha permesso di creare una filiera diretta per seguire ogni passaggio dalla produzione e lavorazione dell’Oliva Giarraffa e della Nocellara del Belice

La Salviani S.r.l. con 100 anni di storia è stata sempre attenta alla valorizzazione dei prodotti tipici italiani, impegnandosi da sempre nella selezione delle migliori cultivar italiche da proporre alla propria clientela affidandosi esclusivamente a Fornitori Qualificati.

Tutto questo però non ci bastava.

Abbiamo quindi intrapreso una collaborazione stretta con alcuni agricoltori per seguire l’intera filiera delle cultivar Autoctone Siciliane riscoprendo varietà dimenticate e poco commercializzate.

Una filiera diretta ci ha permesso di seguire ogni passaggio della produzione e lavorazione dell’oliva Giarraffa (Gioconda per la gente del posto), antica cultivar autoctona, caratterizzata dalla particolare lavorazione ad incisione, grandezza del frutto e dal sapore caratteristico, così come la conosciuta varietà Nocellara del Belice.

Il  Contadino Siciliano e il Direttore Commerciale Domenico Salviani

Detto questo ci siamo recati più volte direttamente in campo per seguire da vicino la campagna di raccolta e lavorazione, facendo rispettare scrupolosamente le procedure formalizzate per portare sulle tavole dei consumatori frutti sicuri e con eccellenti caratteristiche organolettiche.

Con un importante investimento economico abbiamo collaborato alla realizzazione di impianti di irrigazione automatica per sopperire ad eventuali periodi di siccità soprattutto nei periodi di inflorescenza ed attecchimento della drupa, così da idratare costantemente la singola pianta permettendo una costante e ottimale maturazione del frutto; sforzi che siamo sicuri ci permetteranno di guadagnare nel tempo in produttività e qualità.

L’utilizzo minimo di prodotti chimici, a vantaggio di operazioni in campo di diserbo manuale, sempre attenti alla tutela dei Diritti dei Lavoratori, gettano le basi per una qualifica dei campi e dei prodotti su di essi raccolti ad una futura conversione allo Standard Biologico; nondimeno una raccolta manuale con la sinergia di macchine rispettose del frutto e della pianta ci permetteranno una brucatura ottimale con altissimi standard delle drupe lavorate.

Abbiamo dato lo spunto per una lavorazione che si discosta dalle lavorazioni tradizionali, come la denocciolatura o l’ossidazione naturale che fa assumere alla drupa un caratteristico colore “rosato”.

Tutto il nostro impegno siamo sicuri verrà premiato dal mercato e dai consumatori che potranno apprezzare già dalla raccolta 2020 il salto di qualità dei prodotti offerti.